FAMIGLIA RAVANO

Image module

NOVA GENUENSIS
MARE NOSTRUM
S.A.I.A. (SOCIETÀ ANONIMA INDUSTRIE ARMAMENTO)
UNIONE SOCIETÀ ANONIMA DI NAVIGAZIONE
ALBIS ARDUA

FAMIGLIA RAVANO

Alberto Ravano fonda negli anni Venti del ‘900 quattro società armatoriali, grazie alla sua straordinaria capacità e caparbietà nel costruire flotte. Si tratta di una delle famiglie più attive a Genova. Tutte le navi esponevano i medesimi colori societari: ciminiera nera con striscia mediana arancione.
Prima della seconda guerra mondiale armava 25 navi, ma alla fine del conflitto solo una era sopravvissuta.
Ravano è a capo della delegazione italiana che tratta con gli Stati Uniti la cessione delle liberty, per la conoscenza del mondo anglosassone e la fitta rete di relazioni negli USA, in primis con il comandante Stefano Saglietto, poi suo rappresentante negli uffici di Baltimora

Image module
Image module
Image module
Image module

CLYDE WATER

La Motonave CLYDE WATER viene costruita nel dopoguerra  nel Cantiere della Regina John Brown di Glasgow.  Varata il 7 Giugno 1951 fu battezzata con la benedizione anche al futuro equipaggio.

  • Ravano
  • 1951
  • John Brown & Co.,Glasgow – Scotland
  • 163 mt
  • 21,95 mt
  • 12570 tls
  • 18 nodi

Fu la prima motocisterna costruita nel dopoguerra per l’armatore Ravano.
Fu proprio Alberto Ravano a decidere per la costruzione, nonostante l’investimento – 900.000 sterline – fosse rischioso. Il tempo gli diede ragione, con il nolo la Clyde Water si ripago? in due anni.
Il varo fu un evento che coinvolse tutta la famiglia, presente al gran completo alla Clydebank. Il 7 giugno 1951 Maria Luisa Ravano in Sannazzaro Natta battezzo la Clyde Water pronunciando la formula anche in inglese, con la benedizione del futuro equipaggio, “I name this ship Clydewater. I pray God to bless her and to bless all who sail on her”. Fu ribattezzata Charitas nel 1968.

SEAFOX

La bulk carrier SEAFOX è dotata di portelloni McGregor, portelloni di chiusura dei boccaporti di stiva situati sul ponte. Un’invenzione che ha rivoluzionato il trasporto dei carichi secchi.

  • Ravano
  • 1964
  • Cantieri dell’Adriatico,Monfalcone – Italy
  • 265 mt
  • 37 mt
  • 55115 tls
  • 15 nodi

La Seafox è dotata di alberi e picchi da carico che la rendono autonoma quando le attrezzature portuali non sono dotate di mezzi di carico e scarico.
Un’invenzione che ha rivoluzionato il trasporto dei carichi secchi, è stata quella dei portelloni di chiusura dei boccaporti di stiva, le grandi aperture sul ponte di coperta per il carico delle merci.
Brevettato nel 1929 da Robert e Joseph MacGregor questo nuovo sistema di chiusura a libretto in acciaio si diffuse soprattutto nel secondo dopoguerra, migliorando la sicurezza della navigazione.
Gli armatori Ravano e Marsano accolsero con più favore la nuova invenzione.