MUSEO NAVALE DI PEGLI

“L’origine di tutte le storie”

Villa Doria, Piazza Bonavino, 7
16156 Genova

INFORMAZIONI:
Tel. +39 010 6969885
Fax +39 010 666300

PRENOTAZIONE ONLINE:
marketingmusei@comune.genova.it

VAI AL SITO
Un tesoro ritrovato: una villa cinquecentesca custode di un patrimonio culturale di valore inestimabile.

Dopo essere stato a partire dal 1930 il Museo Navale della nostra città, la struttura di Villa Doria venne riallestita nel 1993 con la parte più antica delle collezioni, quelle, cioè, relative ai secoli che andavano dal XII al XVI.

Dopo un periodo di chiusura e una attenta ristrutturazione, il Museo Navale di Pegli ha riaperto nel 2004.

Il tema del percorso espositivo, progettato da Roberto Boero, Tomaso Medicina e Pierangelo Campodonico, è il rapporto tra la Riviera ligure e il mare.

L’allestimento si dipana come un viaggio nel tempo, mostrando la costa e il Mediterraneo, e le vedute delle colonie che, come Chios e Tabarca, mantennero un legame profondo con la riviera, per arrivare alle vedute del Settecento, a documentare lo sviluppo delle rive settentrionali del Mediterraneo.

Infine, tra la fine del Settecento e l’Ottocento, si assiste al grande sviluppo della marineria ligure – non solo genovese – fondato su una raffinata arte delle costruzioni navali (che costruisce le sue navi in molte delle spiagge della riviera) e sulle forme di una navigazione condotta da equipaggi rivieraschi che continuano a rimanere legati alla vela quando il vapore è già in pieno sviluppo. Il museo si chiude con l’immagine delle navi dell’ultima stagione velica, mentre accanto a cantieri ormai fatiscenti, iniziano a nascere i primi stabilimenti balneari, nella grande rivoluzione della riviera ligure.

Image module
Image module
Image module
Image module
Image module
Image module
Un tesoro ritrovato: una villa cinquecentesca custode di un patrimonio culturale di valore inestimabile.

Dopo essere stato a partire dal 1930 il Museo Navale della nostra città, la struttura di Villa Doria venne riallestita nel 1993 con la parte più antica delle collezioni, quelle, cioè, relative ai secoli che andavano dal XII al XVI.

Dopo un periodo di chiusura e una attenta ristrutturazione, il Museo Navale di Pegli ha riaperto nel 2004.

Il tema del percorso espositivo, progettato da Roberto Boero, Tomaso Medicina e Pierangelo Campodonico, è il rapporto tra la Riviera ligure e il mare.

L’allestimento si dipana come un viaggio nel tempo, mostrando la costa e il Mediterraneo, e le vedute delle colonie che, come Chios e Tabarca, mantennero un legame profondo con la riviera, per arrivare alle vedute del Settecento, a documentare lo sviluppo delle rive settentrionali del Mediterraneo.

Infine, tra la fine del Settecento e l’Ottocento, si assiste al grande sviluppo della marineria ligure – non solo genovese – fondato su una raffinata arte delle costruzioni navali (che costruisce le sue navi in molte delle spiagge della riviera) e sulle forme di una navigazione condotta da equipaggi rivieraschi che continuano a rimanere legati alla vela quando il vapore è già in pieno sviluppo. Il museo si chiude con l’immagine delle navi dell’ultima stagione velica, mentre accanto a cantieri ormai fatiscenti, iniziano a nascere i primi stabilimenti balneari, nella grande rivoluzione della riviera ligure.

Image module
Image module
Image module
Image module
Informazioni
  • Villa Doria, Piazza Bonavino, 7 16156 Genova - Italia

  • marketingmusei@comune.genova.it

  • +39 010 6969885